L’importanza della qualità della vita delle generazioni future

È difficile prevedere i fattori che potrebbero avere un grande impatto sull’industria del turismo, comprese le fluttuazioni climatiche e i cambiamenti geopolitici, nonché i nuovi modelli di consumo. Questo è il motivo per cui la più grande sfida per le destinazioni e gli attori di tutta la regione al giorno d’oggi è riconoscere come rispondere ai cambiamenti che stiamo vivendo senza essere sopraffatti dalla mancanza di respiro.

  • Cosa facciamo se il clima cambia nei prossimi anni?
  • Se per motivi geopolitici o di salute una parte dei nostri clienti target non può più raggiungerci?
  • Come possiamo garantire un futuro per la nostra destinazione?

Queste, più di altre, sono le domande a cui dovremmo trovare una risposta.

La sostenibilità del sistema territoriale è un valore fondamentale.

Prima di essere oggetto di trend per la comunicazione e il marketing, è necessario partire da una riflessione sulla sostenibilità: questa deve essere riconosciuta come valore portante nel e del sistema territoriale.

Partendo da questo assunto, possiamo guardare le domande poste poco fa da un’altra prospettiva:

  • Come possiamo garantire che la nostra terra riceva gli investimenti necessari in modo da promuovere la protezione dell’ambiente, la cultura indigena, la sovranità nazionale e le popolazioni ospitanti?
  • Come conciliare la natura mutevole del turismo con le caratteristiche della nostra terra?

Possiamo rispondere a queste domande con tre strategie e azioni concrete.

1. Identità: il punto di partenza per ogni posizionamento strategico

Poiché è stata la forza trainante dell’espansione del territorio nel corso della storia, l’identità deve essere la nostra guida. Viene definito come conseguenza delle ricorrenti caratteristiche di successo nel passato culinario, contadino, artigiano e turistico che hanno reso unica nel tempo la nostra destinazione. A un luogo può essere assegnata una posizione con cui non si identifica, in particolare se manca di una personalità distinta. Di conseguenza, non sarà trasmesso ai visitatori e non sarà riconosciuto dal mercato, esponendosi all’imitazione da parte di altre località.

2. Mantenere i luoghi attraenti per le nuove generazioni, aiutandoli a sognare

Il cambiamento delle generazioni incide sullo sviluppo di un territorio. La nostra responsabilità deve essere quella di aiutarli a scoprire il loro potenziale e fornire le risorse di cui hanno bisogno per immaginare un nuovo sviluppo e credere nella sua realtà. Le località che attualmente stanno affrontando le sfide più difficili sono quelle che non hanno una posizione distintiva e soffrono del fenomeno dello spopolamento. Il desiderio dei giovani di trasferirsi in aree con un maggiore livello di vita contrasta con quello delle generazioni più anziane, che desiderano impegnare i loro sforzi nel campo del turismo e del territorio per creare un pericoloso vuoto generazionale.

Le località italiane più attraenti per i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni sono quelle che offrono un equilibrio favorevole tra il numero di laureati e altre qualifiche terziarie, un alto livello di imprenditorialità giovanile, un basso tasso di disoccupazione, affitti adeguati al reddito, presenza di impianti sportivi all’aperto, concerti, bar e altre attività ricreative. Secondo una ricerca pubblicata nel 2021 da Il Sole 24 Ore. Infine, un tasso di natalità sano.

La domanda che dobbiamo porci sorge quasi spontanea:

Il nostro territorio è in grado di rispondere ai bisogni dei suoi bambini?

3. Ridurre il divario tra mancanza di motivazione e mancanza di competenze

La mancanza di interesse nel continuare e portare a termine i compiti della regione in cui si è nati è spesso accompagnata da una mancanza di particolari capacità che consentano di trasformare i valori storici in futuri fattori di successo. Tuttavia, è importante notare che la mancanza di competenze necessarie per sviluppare il proprio potenziale spesso aggrava la ricerca di una qualità della vita più adatta ai tempi attuali, che si traduce in sfiducia verso il proprio futuro. È quindi fondamentale fornire ai giovani del territorio le informazioni di cui hanno bisogno per costruire un nuovo futuro, sia per se stessi che per la destinazione, se vogliamo evitare emorragie tra di loro.

Per attrarre le generazioni future a investire sul territorio è necessario migliorare la qualità della vita nelle aree più periferiche.

Quando si progetta il piano territoriale, è importante ricordare la sfida del ricambio generazionale e considerarla. È importante chiedersi come sia possibile creare una migliore qualità della vita, volta a trattenere le nuove generazioni e incoraggiarle a sognare e investire in un nuovo futuro, oltre a chiarire l’identità, necessaria per definire una strategia coerente e differenziante.

Condividi su:

Mandaci un messaggio

Nome e cognome(Required)